Scuole dsc_1440-22

Published on febbraio 15th, 2016 | by scuole-user

0

Majorana (Desio – MB)

LICEO SCIENTIFICO E CLASSICO MAJORANA

Via Gaetana Agnesi, 20
20832 Desio (MI)

0362.62.56.61

www.liceodesio.gov.it

Intervista a Francesca Contini

+ Storia del Laboratorio Teatrale

Il gruppo di teatro del liceo Majorana di Desio è nato negli anni Novanta su iniziativa di alcuni studenti. L’obiettivo, sin dall’inizio, era quello di creare un luogo di lavoro aperto a tutte le classi dove ogni partecipante potesse mettere in gioco la propria creatività e le proprie attitudini critiche. Il il primo anno del laboratorio è stato caratterizzato da un forte protagonismo degli studenti, anche sul piano organizzativo, dato che non ci si poteva permettere un esperto esterno.

Dall’a.s. 1995/1996, però, visto il successo e il seguito dell’esperienza, si è ritenuto importante affidare la gestione del gruppo ad un esperto esterno, fornito delle necessarie competenze tecniche che mancavano ai docenti della scuola. Inizialmente la scelta è caduta su Marco Rampoldi, allora aiuto regista del Teatro Franco Parenti, che ha seguito il gruppo teatro per tre anni consecutivi. Dopo la conduzione di Enrico Ianniello, che si è avuta per una sola edizione, dall’a.s. 1999/2000 la scelta è caduta su due giovani attori e registi: Francesca Contini e Massimiliano Toffalori. Dall’a.s. 2000/2001 il gruppo è stato condotto da Francesca Contini che, da allora, ha saputo garantire costantemente un’alta qualità del lavoro svolto e stabilire un rapporto di forte sintonia con i ragazzi che si sono succeduti nel tempo.
La Prof.ssa Rosanna Nicodemi ha seguito il progetto teatro come referente dall’a.s. 1994/1995 fino all’a. s. 2005/2006. Dopo una parentesi in cui è stata nominata referente la Prof.ssa Annalisa Cavicchioni, il laboratorio è stato seguito dal 2008 ad oggi dal Prof. Loris Ermacora.

Nei primi anni, in presenza di un gruppo compatto di studenti che è rimasto all’interno del gruppo, per cercare di fare assaggiare ai partecipanti le diverse forme legate alla rappresentazione teatrale, si è passati dalla messa in scena di testi già esistenti al privilegiare la libera e diretta espressione del vissuto degli studenti. Sin dagli esordi, pur decidendo di arrivare alla fine dell’anno con uno spettacolo, si è data molta importanza al percorso pedagogico e creativo come aspetto fondante e significativo dell’esperienza laboratoriale. Con l’inserimento del progetto teatrale nel P.O.F, avvenuto durante l’anno scolastico 2004/2005, lo spettacolo è stato considerato comunque uno strumento di verifica e ricaduta dell’attività su tutto l’Istituto.

Dal 2001 si è deciso di creare momenti di apertura all’esterno dell’ambito scolastico partecipando a rassegne o concorsi, e ottenendo anche riscontri molto significativi. La volontà è stata quella di dar modo ai ragazzi di confrontarsi con diverse esperienze e mostrare il loro lavoro ad un altro pubblico.
Il laboratorio, in tutti questi anni e grazie agli studenti, agli esperti e ai referenti che lo hanno animato, si è costruito una fisionomia chiara e riconoscibile che coniuga la possibilità per tutti i partecipanti di esprimere se stessi in modo creativo e intelligente all’interno di un gruppo cooperante con lo spessore dei temi culturali e sociali di volta in volta affrontati.
Il gruppo ha dato vita a spettacoli sempre molto interessanti e, spesso, basati su drammaturgie originali, che col minimo di mezzi (sedie, tavoli, pochissimi costumi e sempre realizzati dagli studenti stessi) riuscivano a valorizzare le diverse capacità ed attitudini di tutti, recitative e anche musicali.

Dal 2011 al 2014, in collaborazione con il CTP di Desio, si è scelto di aprire il percorso teatrale del Liceo anche ad alcuni partecipanti di lingua e cultura straniera. Il primo anno l’allargamento del gruppo, con il conseguente carico di ore extra e il coinvolgimento di nuove figure, è stato supportato e finanziato dal Comune di Desio. Attualmente, venuti meno quei fondi a causa dei tagli economici e a causa della soppressione del CTP, si è alla ricerca di eventuali soluzioni per poter continuare ad alimentare il percorso interculturale che è sembrato, a tutte le persone coinvolte, molto interessante nonché vera occasione di attuare una conoscenza tra ragazzi e ragazze provenienti da realtà culturali differenti.
Sin dall’inizio dell’esperienza teatrale al Liceo Majorana è spesso avvenuto che i componenti del gruppo siano rimasti legati al laboratorio anche dopo la loro uscita dal liceo, a testimonianza di quanto l’esperienza sia stata per loro significativa: sono tornati a trovare gli esperti e i referenti e a “incoraggiare” i “nuovi” partecipanti; hanno partecipato al laboratorio da esterni; si sono messi a disposizione dando aiuti “tecnici”.
Il gruppo del laboratorio, inoltre, organizza uscite per andare ad assistere a spettacoli teatrali coinvolgendo altri studenti e amici. Alcuni ex allievi hanno, inoltre, proseguito l’attività teatrale a livello professionale o con altri gruppi non scolastici e, comunque, molti hanno mantenuto vivo l’interesse per questa forma di espressione, nato proprio grazie all’esperienza liceale.

Dall’anno scolastico 2012/2013, ad esempio, Francesca Contini è affiancata nella conduzione del laboratorio da Mattia Pozzi, neo diplomato presso la Civica scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, ex allievo del Liceo e ex partecipante al laboratorio.

+ Conosci l’educatrice teatrale e il suo metodo di lavoro

Lavoro al liceo Majorana di Desio e all’Istituto Alessandrini di Vittuone gestendo laboratori extrascolastici aperti a tutti e finalizzati ad uno spettacolo messo in scena nel mese di giugno di ogni anno.

Creo ed elaboro testi originali, inventati dai ragazzi del laboratorio con una parte drammaturgica di improvvisazioni teatrali e in un secondo momento di definizione delle scene che porteranno alla rappresentazione teatrale. I temi degli spettacoli sono sempre proposti dai ragazzi che si dimostrano molto creativi e attenti nel proporre tematiche a loro vicine.

Inizio il laboratorio a Settembre impostando una prima parte del percorso con esercizi di ascolto e di training per formare il gruppo; a Novembre inizio a considerare i temi proposti dai ragazzi, successivamente scegliamo il tema e iniziamo il lavoro. E’ molto importante per me cogliere le proposte che vengono dagli studenti, che sono coinvolti attivamente e in modo creativo, lasciandoci aperta la possibilità di tornare in un secondo momento su alcuni testi che trattano del tema scelto.

Fotografie

a.s. 2012/2013: “Immersi naufraghi emersi approdi”


a.s. 2013/2014: “Switch on switch off”


a.s. 2014/2015: “Sonnoteca”


a.s. 2015/2016: “φίλος: in sospeso” (fotografie di Chiara Villa)


Disclaimer
Le fotografie utilizzate in questa pagina sono presenti online nei siti web o nelle pagine Facebook delle Scuole o delle Compagnie, sono ritenute di pubblico dominio e sono offerte gratuitamente agli utenti a fini di promozione e di informazione.



Back to Top ↑